Alessio Brondi – Talent Scout

TALENT SCOUT

Agorà Di Cult sarà il percorso di visibilità dei 17Autori della Sezione Senior e 5 Autori della Sezione Giovani “Segnalati” dalla Commissione selezionatrice del Progetto FIAF “Talent Scout” che riunita il 12/04/2015 ha esaminato le opere pervenute da 87 autori (di cui 18 appartenenti alla sezione GIOVANI e 69 appartenenti alla sezione SENIOR).
Le finalità di questo Progetto sono quelle di dare ai Presidenti di Circolo Affiliato FIAF l’occasione di far conoscere il lavoro di quei soci che, pur distinguendosi per capacità e passione, non hanno mai provato a confrontarsi con la platea nazionale della fotografia italiana. Ogni Presidente ha avuto la possibilità di proporre un socio della categoria GIOVANI (di età inferiore a 30 anni) e un socio della categoria SENIOR (di età superiore a 30 anni).

Alessio Brondi – Talent Scout

 
Alessio Brondi Socio (Senior) del 3C Cascina Cinefoto Club Cascina Silvio Barsotti (PI)
Autore segnalato al progetto Talent Scout della FIAF.
Logo_Talent_Scout_1c05

Presentazione di Roberto Filomena, Presidente del 3C Cascina Silvio Barsotti:

Ho il piacere di porre all’attenzione della Federazione Alessio Brondi, autore ancora giovane che si esprime ad alti livelli fotografici contenutistici senza perdere di vista quelli estetici.
Predilige lavorare per progetti e ne ha già realizzati tre, uno su un mestiere in via di estinzione, il “Mastro d’Ascia”, uno sul formaggio pecorino, dall’allevamento al prodotto finito e uno sui pochi artisti alabastrai rimasti in Toscana.
Iscritto al nostro circolo da tre anni, si è subito distinto anche per disponibilità nelle attività comuni ed è un punto di riferimento per i giovani in special modo per quelli che prediligono il Portfolio.
Ha fatto alcuni concorsi riscuotendo riconoscimenti e discreto successo e ha partecipato a diverse letture di Portfolio ottenendo lusinghieri commenti.
Ritengo che possa avere grandi margini di crescita e maturazione e lo propongo quindi,nella categoria senior,per la manifestazione della FIAF “Talent Scout”.
 

Le Opere

 
FRAMMENTI DAL PASSATO

Il lavoro dell’artigiano non è un’attività produttiva comune , ma un arte raffinata: plasmare un materiale grezzo per ottenere bellissimi vasi o ancor di più statue dai lineamenti umani, richiede passione, impegno e sacrificio.
E’ per tale ragione, forse, che le botteghe dove è possibile vedere al lavoro questi maestri della pietra sono sempre meno; in oltre sempre meno giovani decidono di proseguire questo cammino, tramandato da padre in figlio fin dall’ epoca della scoperta dell’alabastro.

Questo lavoro cerca di ripercorrere la via che ha portato alla scoperta e diffusione dell’alabastro, cercando di rendere manifesto con quale impegno e duro lavoro gli artigiani hanno operato da fine ottocento ad oggi, rimanendo inalterati negli anni passione, fatica e maestria.

Polvere bianca la memoria.
Impastarla
con la musica e le viscere
della terra
per raccontare una storia,
immagini e parole nascoste
in scarsi angoli di luce
in voli d’ombre.
Un succedersi di balze,
balzi
verso la luce lunare
sepolta in noi.

(Come radici
d’alberi ruvidi di pioggia).

Alessandro Scarpellini

 
TRA TRADIZIONE E TECNOLOGIA

La nostra storia, le nostre tradizioni, il nostro passato: elementi fondamentali della nostra crescita come essere umani, ci hanno insegnato moltissimo sui valori del lavoro e l’importanza dell’individuo in un contesto lavorativo.
Al giorno d’oggi pensiamo raramente al tempo che fu, guardiamo al progresso come l’unico mezzo possibile per raggiungere l’ottimizzazione della propria attività, i profitti, la materia prima al minor costo.
Tuttavia esistono ancora realtà dove si è cercato di coniugare i valori del passato al progresso creando un mix di grande successo: è stata trovata una strada alternativa dove l’uomo non è più un numero in un equazione di ottimizzazione dei processi aziendali ma un elemento fondamentale della catena produttiva, faticosa come una volta ma all’insegna dell’innovazione.
La speranza è che sempre più realtà produttive cerchino di trovare una strada alternativa, comprendendo che il passato non è solo obsoleto ma ricco di esperienze e valori che ancora oggi, forse soprattutto oggi, possono aiutare a fare la differenza.
Il lavorò diventerà come poesia, ricca di emozioni e dal significato intenso:

Tra la polvere, la terra
del tempo che passa
il pensiero
diventa un filare d’alberi
di ombre che corrono
verso il domani.
Le mani dell’uomo
ogni cosa mutano in altro
e la musica del mondo
assume differenti forme.

Alessandro Scarpellini

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button