ArchivioConosciamo la FIAFLibere riflessioni

AMBIENTE CLIMA FUTURO – Riflessioni Conclusive_01

a cura di Giancarla Lorenzini, coordinatore LAB Di Cult 077 FIAF

Il tema nazionale opportunità di crescita anche per i LAB Di Cult.

Ambiente, Clima, Futuro, aspetti strettamente connessi con il vivere quotidiano di ognuno di noi; e proprio perché tutti siamo coinvolti in prima persona, gli autori del Lab di Cult 077 FIAF, in questi 2 anni, hanno voluto focalizzare lo sguardo e la propria indagine “intorno casa”, quindi principalmente nella propria Regione, le Marche.

Il primo approccio è stato sicuramente quello della denuncia, ma approfondendo siamo venuti a conoscenza di molte buone pratiche atte a riportare equilibrio in questo difficile e complicato rapporto che abbiamo con l’ambiente che ci accoglie e ci ospita.

La considerazione che più ci è saltata all’occhio, a seguito anche della pandemia, è che la natura non ha nessuna difficoltà a reinventarsi, a modificarsi per resistere ai cambiamenti, e ci mette molto poco a riprendersi gli spazi sottratti da noi umani; viceversa, dobbiamo necessariamente renderci conto che più oltraggiamo la natura e l’ambiente, più ci facciamo del male, attentiamo alla nostra stessa esistenza, fino alla definitiva scomparsa: il mondo non ha necessariamente bisogno di noi, noi per esistere probabilmente ne abbiamo assoluto bisogno.

Ci ha sorpreso venire a conoscenza, grazie anche alle informazioni di Legambiente, che le Marche non hanno grossi problemi di inquinamento ambientale, che la pratica della raccolta differenziata porta a porta dà buoni risultati, tuttavia i rifiuti, nelle acque e sul suolo, sono ancora una quantità impressionante. Siamo venuti a conoscenza che le Marche sono tra le prime regioni in Europa per l’impiego dell’agricoltura biologica e che ci sono molti esempi di produzione sostenibile in diverse tipologie di prodotti, ma l’edilizia sconsiderata ha creato mostri che gridano urgente riqualificazione.

Nell’elaborazione del concept si è quindi tenuto conto di moltissimi aspetti che gli autori, appartenenti a diverse provincie e quindi a diversi vissuti, hanno voluto documentare o interpretare soggettivamente.

Di seguito alcune immagini di ciò che è stato trattato:

il legame ancestrale con la natura

l’ambiente ci accoglie e si rigenera

l’uomo modifica l’ambiente con la sua presenza

Marcello Tramandoni

l’uomo imita le forme della natura…

… e lascia nell’ambiente i suoi manufatti inquinandolo

la natura si difende e si riprende i suoi spazi, è una lotta tra l’uomo e l’ambiente

c’è necessità di un cambiamento

Le buone pratiche messe in atto per uno sviluppo sostenibile

… il futuro è nel cuore di ognuno di noi …

 

L’esperienza del Laboratorio, pur con le difficoltà dovute alla pandemia, cioè la maggior parte degli incontri on-line anziché in presenza, si è confermata ancora una volta come un percorso costruttivo di condivisione. Percorso arricchito ulteriormente dallo scambio con altri Laboratori e dal prezioso contributo dei Tutor Fiaf che hanno tenuto letture portfolio man mano che i lavori andavano concretizzandosi.

Tutti ci siamo messi in gioco, anch’io, oltre che come coordinatrice, anche come appassionata di fotografia; ora altro momento importante sarà dare visibilità a tutti i lavori attraverso la mostra locale che sarà ospitata nei locali del Museo della Città di Ancona, e sarà per tutti coloro che la visiteranno occasione di riflessione su questo tema che tanto ci riguarda e tanto ci sta a cuore.

E’ inoltre una grande soddisfazione per tutto il gruppo che due autori del Lab 077, a seguito delle selezioni del Concorso Nazionale, entrino a far parte della mostra al CIFA di Bibbiena e del catalogo della mostra nazionale.

Giancarla Lorenzini
Tutor Fotografico FIAF

Coordinatore del LAB Di Cult 077 FIAF

 

Articoli correlati

Un commento

  1. Bellissimo percorso Giancarla e bella la tua idea di questa “Riflessione conclusiva”, stimolo per tutti i Coordinatori a fare la stessa cosa.
    Grazie per la condivisione, punto importante dei Laboratori Di Cult.
    Doretta Gerevini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button