ArchivioEventi fotografici

La storia di FotoCarpi – I° parte di Danilo Baraldi

LA STORIA DI FotoCarpi – I° parte

Il Gruppo Fotografico Grandangolo BFI di Carpi (MO), costituitosi nel lontano 1977, sostiene tutte le attività che un circolo possa proporre per la divulgazione della fotografia nell’ambito cittadino, e non. Incontri, dibattiti, mostre, concorsi, corsi, serate, conferenze, visite a mostre, appuntamenti enofotogastronomici.

Ma c’è un progetto, del quale è veramente orgoglioso, che vi vuole presentare.

È il 1997 quando diamo inizio al progetto IO FOTO POSITIVO.

Tutti gli anni esponevamo 2 fotografie che documentassero (da sole!) un tema che anno dopo anno si sceglieva. Ci sembrava limitato, avevamo capito che non potevamo raccontare niente, o poco, con sole 2 immagini. Abbiamo quindi pensato di creare dei portfolio, sempre scegliendo un tema ad ogni edizione. Volevamo creare dei lavori che fossero più interessanti possibili, e avevamo bisogno di documentarci e di parlarne il più possibile.

Abbiamo quindi ospitato dei fotografi che ci presentassero propri lavori sul tema che noi avevamo scelto. Dopo questi appuntamenti ci ritrovavamo noi soci del circolo, una volta al mese (per almeno 10 appuntamenti prima di arrivare al traguardo finale), per discutere solo del tema scelto, mantenendo le rimanenti serate mensili per le altre attività:

–         Si proponevano altri autori,

–         Si discuteva dell’argomento,

–         Si discuteva e ognuno proponeva un possibile progetto su cui poter lavorare,

–         Si iniziavano a vedere le prime immagini,

–         Si cercava, sempre con l’interscambio di opinioni, di correggere il “tiro”, aggiungendo o togliendo delle immagini, o addirittura perfezionando il progetto stesso,

–         Si arrivava alla fine alla presentazione del progetto concluso,

–         Si allestiva una mostra, in un ambiente che l’Amministrazione Comunale ogni volta ci offriva,

–         Si presentava un catalogo, in cui figuravano tutti i progetti corredate da tutte le immagini che li componevano, accompagnate da una mappa esplicativa dell’iniziativa, dei luoghi di visita, delle conferenze,

–         Infatti nello stesso periodo venivano invitati altri autori per le conferenze che avrebbero dato inizio al nuovo anno di lavoro.

È il 2006 quando nasce FOTOCARPI.

Mantiene le stesse caratteristiche di “Io Foto Positivo”, progetto di lavoro/laboratorio della durata di un anno che vuole coinvolgere tutti i soci dell’associazione, ma pensa di coinvolgere ancora di più la cittadinanza. Eravamo (e lo siamo tutt’ora) dell’idea che se un possibile fruitore di immagini non riesce ad andare a vedere una “mostra”, gliela potevamo portare noi, in quei luoghi che non può esimersi dal frequentare, come bar, librerie, negozi e locali frequentati da persone, in particolare i giovani.

In questi spazi coinvolgiamo gli studenti dei corsi base di fotografia, facendo loro presentare immagini che avessero una qualche attinenza con il tema principale del progetto stesso.

Tutt’ora questa parte di FotoCarpi mantiene queste caratteristiche espositive.

È il 2007 quando riteniamo opportuno fare un salto di qualità. Eravamo consapevoli che ci fosse bisogno di qualcuno dall’esterno del nostro circolo (finora eravamo riusciti a lavorare in completa autonomia) che ci coordinasse il nostro operato, che risultava a volte disomogeneo; ci mancava “qualcosa”. Invitiamo Silvano Bicocchi a fare da coordinatore del progetto.

Già dal primo anno si è dimostrato un valido “spronatore”, che sa mettere in fila ed in ordine le idee che a volte sembrano confuse, o poco chiare. Oppure ci indica un nuovo percorso semplicemente stravolgendo le fotografie alle quale avevano dato un determinato ordine; lui ce le sconvolge e la nostra idea appare. Ci accompagna con le sue critiche, i suoi suggerimenti, a completare i nostri pensieri. Ci guida anche nella comprensione di altri autori, arricchendoci di altri spunti.

È il 2009 quando FotoCarpi si amplia maggiormente proponendoci con mostre monografiche di maestri della fotografia italiana. Volevamo offrire alla cittadinanza e alla nostra Amministrazione Comunale, che in tutto questo progetto ci aveva sostenuto, un ulteriore spazio di riflessione sulla fotografia.

Con gli approfondimenti del curatore Luca Panaro, critico d’arte e docente di Fotografia all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, abbiamo organizzato:

–         “Beppe Lopetrone: moda e celebrità”: un viaggio nella moda attraverso le modelle, i modelli e gli stilisti che hanno operato nell’ambito locale,

–         “Olivo Barbieri: opere scelte 1978-2010”: raccolta di tutta la sua produzione filmica che ha accompagnato le sue visioni fotografiche dall’alto,

–         “Mario Cresci Dentro le cose”: una propria interpretazione degli ambienti del Palazzo dei Pio, luogo che ha sempre ospitato questa parte del progetto di FotoCarpi, con l’utilizzo degli oggetti conservati nel locale Museo Etnografico.

Il tutto accompagnato ogni volta da una pubblicazione bilingue.

E il viaggio continua.

Danilo Baraldi

Il viaggio - Valerio Balboni - 2004
L'uomo e l'ambiente - Ilenia Gasparini - 2005
Autoristrarsi - Stefano Negri - 2006
Carpire Carpi - Danilo Baraldi - 2007
Carpire Carpi - Marco Vincenzi - 2007
Il mondo in movimento - Valerio Balboni - 2008
Incontri - Dario Alberici - 2009
Destinazione donna - Michele Grassi - 2010
People - Gabriele Bartoli - 2011
People - Valeria Cremaschi - 2011
.
 

Articoli correlati

Un commento

  1. Danilo Baraldi è il Presidente del Gruppo Fotografico Grandangolo BFI di Carpi (MO), un comune colpito pesantemente dal terremoto di questi giorni. E’ un circolo fotografico di buona tradizione che ha una età media dei soci attorno ai 35 anni. Danilo ci presenta il Progetto fotografico di circolo “Foto Carpi” in due Post: il primo ne racconta la storia e il secondo mostrerà gli esiti del progetto 2011/2012.
    Conoscere questi progetti è molto importante per condividere le esperienze tra le associazioni e avviare così il crescere insieme.
    Pubblicate anche i vostri Progetti fotografici di Circolo aiuterete altre associazioni a trovare nuovi percorsi di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button