GeneraliNews

Instagram, opportunità o minaccia per il fotogiornalismo?

C’è stato un tempo in cui dalle parti della fotografia la rivoluzione digitale si è materializzata nella magia di nuove fotocamere capaci di fissare le immagini su supporti che le rendevano allegramente manipolabili, sollevando persino dai costi di sviluppo e stampa. Passati gli entusiasmi fanciullini, e archiviate le discussioni fra tifoserie nostalgico-analogiche e digital-riformiste, a distanza di un ventennio siamo finalmente in grado di cogliere appieno l’enorme portata di quella rivoluzione, tradottasi in nuovi modi di fare le cose di sempre, e nell’affermarsi di nuove economie.

In questo nuovo mondo, in cui anche la fruizione della fotografia è stata radicalmente rivoluzionata dalla comparsa delle reti social, l’antico mestiere di fotogiornalista si vede costretto, ancora una volta, a reinventare se stesso. Era già accaduto in passato, ma la differenza con l’oggi è che non è stato ancora elaborato il modello di business che consenta di vivere di reportage. In questo panorama i fotogiornalisti si sentono minacciati, soprattutto dal social visuale per eccellenza, Instagram: ma è davvero così? Instagram è una minaccia per il reportage, o piuttosto un’opportunità?

Attilio Lauria proverà a rispondere a questo quesito alla luce di un altro paradigma della contemporaneità, innovare o morire.

Appuntamento lunedì 14 ottobre alle ore 11.00 presso l’Aula Congressi dell’Università di Torvergata, in via del Politecnico 1 a Roma

https://web.uniroma2.it/module/name/Content/newlang/italiano/navpath/HOM/action/showpage/content_id/76042

Articoli correlati

Back to top button